Panorama Madonna di campiglio Come eravamo Accoglienza La nostra camera hotel madonna di campiglio
OFFERTE & NEWS

Offerte estate 2016

qualità e risparmio

Vacanza a KM 0

Ecovacanza a Madonna di Campiglio

ParcoCard & DoloMeetCard

Una opportunità per visitare il Parco Naturale Adamello Brenta

Idee Vacanza per l'Estate

Spunti per costruire la vostra vacanza a Madonna di Campiglio


gg Adulti:    Età bambini (es 5,6):   
Se il motore di ricerca non ha prodotto risultati positivi rispetto alla sua richiesta, la invitiamo a contattarci mediante email hotel@alpina.it o telefonicamente 0465/441075 per verificare le disponibilità direttamente con noi.
Non sempre tutte le camere disponibili sono caricate sul motore di prenotazione on line.
Sarà un piacere avervi nostri graditi ospiti.

Val Genova

L’ambiente

La Val Genova, profondo solco glaciale percorso dal fiume Sarca, è una laterale della Val Rendena che da Carisolo, in direzione ovest, si inoltra per 17 chilometri tra Adamello e Presanella, con un susseguirsi di gradinate e tratti in piano da cui scendono impetuosi salti d’acqua.
La valle termina nella piana di Bedole, delimitata dallo spettacolare anfiteatro glaciale delle vedrette delle Lobbie (sentiero n. 241) e del Mandrone (sentiero n. 212), da cui nasce il Sarca di Genova.

La Val Genova è uno dei simboli del Parco Naturale Adamello Brenta ed è tra gli ambienti naturali più belli ed unici dell’ intero arco alpino.

Alla scoperta della valle

Da ognuna delle valli laterali si gettano spettacolari cascate: le più famose sono quelle di Nardis – 100 metri di salto che divide in due rami l’acqua del torrente omonimo – e di Lares, su tre livelli successivi da scoprire salendo attraverso il bosco.
La Val Genova impressionò i primi esploratori per l’abbondanza di acqua, tanto da guadagnarsi l’appellativo di “Versailles dell’Italia settentrionale”. Cascate che precipitano dai tipici scalini glaciali di fondovalle (detti “scale”) e dalle valli laterali, rimaste “sospese” per la maggiore azione erosiva prodotta sul fondovalle dai ghiacci del periodo quaternario.
Dalla selvaggia Val Siniciaga scende la cascata del Casòl, proseguendo si incontrano le cascate di Làres e di Folgorìda. Sul fondovalle anche il torrente Sarca forma spettacolari salti d’acqua: quelli di Casina Muta, Stablèi, Pedrùc, Pont delle Cambiali, Mandron sono i più noti.
Le valli laterali – Germenega, Siniciaga (sentiero n. 215), Lares (sentiero n. 214), Folgorida (sentiero n. 207) a destra, Nardis (sentiero n. 219), Gabbiolo (sentiero n. 208) e Cercen (sentiero n. 227) a sinistra – sono di una bellezza singolare e selvaggia, densa di storia: sulle loro creste gli eserciti italiano e austroungarico si affrontarono durante la prima guerra mondiale.

Imponenti formazioni rocciose di natura cristallina (tonalite, meglio nota con il nome di granito) si innalzano dal fondovalle e dalle distese dei ghiacciai che ricoprono vaste superfici alle quote più alte. Si tratta della Presanella (3558 m), della Busazza (3225 m), del Crozzon di Làres (3354 m), delle tre Lobbie (Alta 3195 m, di Mezzo 3033 m, Bassa 2958 m), della Cima Mandrone (3283 m), che sono state teatro, nella seconda metà del 1800, delle prime esplorazioni alpinistiche sulle montagne del Trentino. Alla testata della valle la vedretta del ghiacciaio dell’ Adamello-Mandron risulta essere l’area glaciale più estesa delle Alpi Italiane con circa 18 chilometri quadrati.

Frequenti e sempre inaspettati sono, nei boschi e nelle radure di questa valle, gli incontri con la fauna alpina rappresentata in particolare dal camoscio, dalla marmotta, dal capriolo, dalla pernice bianca, dal gallo forcello e dal gallo cedrone.
Fitti boschi di conifere ricoprono i fianchi della valle, mentre faggio e altre latifoglie crescono in alcuni tratti più favorevoli. La valle ospita una ricca varietà di specie: il brusco passaggio dal fondovalle al piano alpino, i versanti esposti e rocciosi, i pascoli, le morene e i laghi glaciali sono una vetrina del patrimonio vegetazionale del Parco. Nei prati più umidi cresce la drosera, una pianta carnivora poco appariscente, che intrappola piccoli insetti con le foglie appiccicose.
Nella piana di Bedole un maestoso larice, considerato “albero monumentale”, resiste alla forza erosiva del torrente.
Non ancora del tutto chiara risulta l’origine del nome “Val Genova”. Il toponimo “Zènua” compare già in documenti datati attorno al 1200 per indicare un territorio particolarmente ricco di acque.

La Valle si può visitare in molti modi ed una mobilità pubblica consente di spostarsi al suo interno senza fatica. Percorrendo il Sentiero delle Cascate si può percorrere tutta la valle, da cima a fondo, per vivere da vicino la sua bellezza.


Facebook

Twitter

Hotel Alpina
Via degli Sfulmini 5 Madonna di Campiglio (TN), Italia 38086
Phone: +39 0465 441075